giovedì 2 ottobre 2014

Bomboloni col Lievito Naturale!!!


(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Ci sono periodi in cui ci sentiamo iperattivi, altri in cui la voglia di fare è rimasta sotto le coperte e rimandiamo ogni giorno, soprattutto se le cose da fare non sono indispensabili.

Ed è quello che stava accadendo con questi bomboloni!
Poi, ad un certo punto, sono diventati indispensabili!

DiSceee.....ma come fa un bombolone a diventare indispensabile?!?!?

Lo diventa, lo diventa! Fidatevi! ;)

Prima di tutto perché era tantissimo tempo che non li facevo, poi perché avendo cominciato a rifare  con il licoli tutti i lievitati che prima facevo con il lievito di birra, mi sembrava una tappa obbligata rifare anche i bomboloni!

Così ho riadattato una vecchia ricetta trascrivendola su un pizzino di carta che è rimasto sulla mia scrivania per diversi mesi (sì, avete letto bene: mesi!!!)

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


DiSceeee...e tu per tutti questi mesi ci hai fatto aspettare?!?!?

.....ehmmm...sì.

A volte per fare delle cose abbiamo bisogno degli stimoli giusti e durante questi mesi confesso che la voglia di cucinare mi era un po' passata....Un po' di sana pigrizia ogni tanto ci vuole! :)))

Poi, ad un tratto, è tornata tutta insieme e in un week end ho prodotto quanto non avevo fatto in 4 mesi!!! Quindi ora siete avvisati! Preparatevi! :))))


Ma veniamo a questi bomboloni


Come vedrete in questa preparazione sono racchiuse diverse Tecniche di Base:
Ma sono sicuro che siete tutti bravissimi, specialmente nell'ultima tecnica! :))))

Inoltre con il procedimento che vi descriverò potrete friggerli la mattina appena alzati per mangerveli subito a colazione!!!
E vi pare poco?!?!?!

Ingredienti per 10 bomboloni circa

170 g farina manitoba
170 g farina 00
100 g lievito naturale (solido o liquido)
50 g di burro
70 g di zucchero
100 g di acqua
150 g di latte
1 tuorlo
5 g di sale
zeste di limone

  • Impastate tutto insieme, senza timore, fino ad incordatura 
  • Lasciate riposare l'impasto un paio d'ore
  • Stendete poi l'impasto ad un altezza di 1,5 cm circa
  • Formate con un coppapasta
  • Adagiate sulla carta da forno
  • Lasciate lievitare (circa 8 ore)


(Fai click sull'immagine per ingrandirla)
  • Friggeteli poi con tutta la cartaforno immergendoli in olio di semi di arachidi portato a 180° circa; la cartaforno si staccherà da sola in pochi secondi.
  • Rigirateli e completate la frittura.
  • Scolateli
  • Asciugateli
  • Ripassateli subito nello zucchero a velo o normale (o in entrambi!)
  • Imbottiteli di Crema Pasticcera
  • Addentateli!

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
  • Godete........  :)))))))

Per gustarli la mattina a colazione, consiglio questa tabella di marcia:




...e mi raccomando: friggeteli in modo da far venire la righina gialla in mezzo!


(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Considerazioni personali: 
Sappiamo tutti che un prodotto lievitato con il lievito naturare sicuramente è di gran lunga migliore di quello ottenuto con il lievito di birra in cubetti, in termini di leggerezza, sofficità, sapore, digeribilità e, non ultimo, la capacità di conservarsi per diversi giorni (anche settimane!)

Ero curioso di fare questo test anche nel caso di un prodotto fritto, come i bomboloni.

Leggerezza, sofficità, sapore e digeribilità sono risultati fantastici!

Ma quello che più mi ha stupito è stato come si è conservato il fritto!

Anche il giorno dopo i bomboloni sono rimasti praticamente come appena fatti!

Provateli e poi mi direte!!!

Aspetto i vostri reseconti!!!

Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero


(Fai click sull'immagine per ingrandirla)



Guardate anche le altre realizzazioni:

lunedì 29 settembre 2014

Amore, Cucina e... Pollo Tandoori



"Ziopiero,
stiamo promuovendo un nuovo film distribuito da Universal Pictures: Amore, Cucina e Curry.
Avremmo piacere a invitarti all'anteprima, preceduta da una lezione di cucina che ti darà la possibilità di realizzare alcune delle ricette ispirate al film.

Rispondimi entro questa mattina"

Questo più o meno è il testo della mail che ho ricevuto dopo le 12 di qualche giorno fa e l'invito era...per il giorno dopo!!!!!
E la mattina stava finendo!
E il giorno dopo stava arrivando!
Ed era pure un giorno lavorativo!
Ed avevo pure diversi impegni...

...se avessi accettato avrei dovuto riorganizzare una serie di attività....
...e in più mi sarei dovuto prendere un giorno di ferie....

Ma certe occasioni vanno prese al volo!

Corso di cucina indiana da Eataly in compagnia di due chef e poi visione in anteprima di un film in lingua originale che parla di cucina....be', diciamocelo: queste cose non capitano tutti i giorni!!!

Così, senza pensarci due volte, ho subito risposto:
"OK! Ci vediamo domani!"


In men che non si dica ho rimandato tutti gli impegni concedendomi una giornata tutta per me!

Vi dico solo che è stata una giornata entusiasmante!!!

Ma andiamo con ordine.

Per prima cosa: La Location.
L'area corsi di Eataly, per chi non la conoscesse, è ben pensata ed attrezzata.
Consente di cucinare comodamente utilizzando tutti gli strumenti di cui si necessita, compresi forno elettrico e piastre ad induzione per la cottura.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Poi: Gli Chef.
Eleonora Cesarini e Franco Calafatti hanno assistito meticolasamente tutti i partecipanti, in ogni fase delle varie preparazioni.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

In particolare Franco, travolgendoci col suo entusiasmo, ci ha fatto sniffare una tale innumerevole quantità di spezie che alla fine i nostri nasi erano completamente inebriati di odori...

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Quindi: I piatti.
Abbiamo preparato Zuppa di Cipolle (delicatissima, gustosissima anche per i non amanti delle cipolle) e Pollo Tandoori (che tra poco vedremo).

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)


E, dulcis in fundo: il FILM.

Amore, Cucina e Curry è un film delicato, armonioso, con una trama semplice, lineare, ma che coinvolge da subito.
E ve lo confesso: è un film che mi ha commosso!
Sì, davvero!
E poi diciamocelo: è così bello commuoversi....

In questo film, come potete immaginare, tutto ruota intorno alla cucina, nei suoi aspetti più intensi, dalla spesa ai mercati al dietro le quinte in cucina...

Aggiungeteci poi un premio oscar come Helen Mirren (attrice protagonista ), un regista come Lasse Hallström (sì, lo stesso di Chocolat) e un caratteristico villaggio come quello di Saint-Antonin-Noble-Val, nel sud della Francia, un ambiente da sogno...

Insomma! Lo dovete andare a vedere!!!
Sono sicuro vi piacerà moltissimo!!!!

...e per farvelo "assaggiare"...ecco a voi un piccolo trailer:



Il film uscirà il 9 ottobre.
E per chi volesse partecipare alla conversazione su Twitter l’hashtag è  #amorecucinaecurry


Ma io so cosa volete adesso....
Voi volete la ricetta del...
Pollo Tandoori


Ingredienti per 4 persone

4 cosce di pollo (belle grandi)
100 g di yougurt greco
Un cucchiaio di succo di limone
4 spicchi d'aglio
Zenzero fresco di grandezza totale quanto gli spicchi d'aglio
Olio evo 
Sale
Pepe

e, possibilmente, tutte queste spezie:
Paprika dolce
Garam masala
Cumino
Coriandolo

Per prima cosa prepariamo la salsa.

Tagliuzziamo e tritiamo finemente aglio e zenzero e, se abbiamo un mortaio con il suo pestello, lavoriamoli a lungo per far amalgamare meglio i loro sapori.

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


Poi, in una padella antiaderente, scaldiamo le varie spezie, aggiungendole una per volta e facendo attenzione a non farle tostare; tenetele giusto il tempo per far sprigionare al meglio le loro essenze.


(Fai click sull'immagine per ingrandirla)


Quindi uniamo sale e pepe allo yougurt, mescoliamo un po', aggiungiamo il pesto di aglio e zenzero, il succo di limone e infine le polveri.



(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

A parte prepariamoci le cosce di pollo, incidendo per bene la carne fino all'osso.


(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Alla fine ogni cosciotto dovrà apparire più o meno così:
(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Che ve ne pare? Niente male, eh? :)))

Finalmente tuffiamo le cosce di pollo nella salsa.
Massaggiamole per bene in modo da far penetrare la salsa in ogni fessura...

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Lasciamole poi insaporire qualche minuto prima di sistemarle su una teglia.
Anche qui usate le mani per distribuire meglio la salsa.

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Quindi inforniamole a 230° per circa 45 minuti, rigirandole ogni tanto finché non si sarà formata una crosticina dorata. 5' di grill ad una distanza di 15 cm per bruciacchiarle leggermente.

Ed ecco pronto il nostro cosciotto di pollo tandoori:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Come vedete c'è stato un vero e proprio l'assalto alle cosce!!!

(Fai click sulla foto per ingrandirla)
Armati di coltelli e forchette tutti ci siamo precipitati per gli assaggi...

C'è poi chi non si è fatta scrupoli e si è accaparrata un cosciotto intero, mangiandolo con il metodo tradizionale!!!!

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Ma d'altra parte i buongustai lo sanno benissimo: il pollo va mangiato con le mani!!!

DiSceeee.....ma la zuppa di cipolle?

(Fai click sulla foto per ingrandirla)


La zuppa di cipolle era ottima, davvero.

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)


Ma di questa vi racconterò un'altra volta! :)))


Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero

Guardate anche le altre realizzazioni:

giovedì 25 settembre 2014

Pannenkoeken Olandesi (DiSce...)

DiSceeeeee: Azzipie', ma dopo tutti 'sti post turistici te sarai mica dimenticato de cuScina'?!?!?!?

Beh...confesso che quest'estate ho dedicato poco tempo alla cucina e, di conseguenza, anche ai post di ricette...

Vabbe' ho capito...colpa prima di Istanbul e poi del Benelux che t'hanno completamente preso! Ma almeno ce voi dì com'era il cibo in Olanda?

...mmmmm... che dire? Mediamente buono, ma niente di particolare.

Tutto qui? Nun ce diSci gniente deppiù?

Cosa aggiungere....
Alla fine i ristoranti offrivano sempre le stesse portate, a base di carne, pesce e ricche insalate.
Di sicuro gli Olandesi non sono famosi per i loro piatti.
Né per il cibo.
Formaggio a parte.
Che poi, pure il loro formaggio, non è che sia così particolare...
Soprattutto se lo paragoniamo alle nostre innumerevoli qualità...

Vabbe', ma adesso...chessò... aRmèno 'n'ovetto, ce lo voi fa'?!?!? Giusto per riprenne'  'n po' la mano!

:)))))


In verità c'è un piatto che preparano gli Olandesi e che mi è sempre piaciuto e che spesso ho replicato nelle varie forme.

Le Pannenkoeken Olandesi

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Che poi, pure qui...mica è un piatto olandese.
È solo un rifacimento delle pancakes americane con l'innesto di un tocco francese.

In pratica una via di mezzo tra le pancakes e le crepes.
Le potrei definire pancakes senza zucchero e lievito, stese un po' meno sottili di una crepe

Però son buone.
E soprattutto veloci.
Anzi velocissime!!!


Ingredienti per 4 pannenkoeken:

500 g di latte
250 g di farina
2 uova
pizzico di sale

Se cercate su internet troverete sicuramente anche altre dosi (se non addirittura diversi ingredienti), ma non starei a sottilizzare.
Come ho detto prima è un piatto veloce e semplice, per cui la prima volta fatelo così e la seconda, se volete, provate qualche alternativa. Si fa talmente velocemente che qualsiasi risultato ottterrete di sicuro non avrete perso tempo! :)))
  • Mescolate tutti gli ingredienti con un frullatore ad immersione
  • Lasciate riposare il composto in frigorifero
  • Scaldate una padella antiaderente
  • Versate il composto
  • Distribuite il composto nella padella in modo da ottenere una grande crepe con uno spessore di 2-3 mm
  • Appena la pannenkoeken si stacca dalla padella, giratela:

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)

Nel frattempo potete prepararvi la farcitura: libera scelta tra formaggi, prosciutti e cose simili.

Personalmente le amo con un formaggio cremoso, tipo brie, e sciroppo d'acero.
Mi taglio quindi il formaggio a fettine sottili:

(Fai click sulla foto per ingrandirla)

Una volta girata la pannenkoeken adagiatevi sopra le fettine di formaggio e lasciatelo squagliare.

(Fai click sull'immagine per ingrandirla)



DiSceeee...Azzipie', ste' pannekokken me so' piaSciute!
Mmmo' però vedi da facce quarcosa de speSciale, quarcosa de tuo...quarcosa che l'altri ancora nun fanno...

Certo che se mi stuzzichi così... qualcosa mi devo pure inventare.
Intanto diciamo che la voglia di cucinare m'è tornata....e anche la voglia di impastare...
Che ne diresti se la prossima volta ti dicessi come fare con il lievito naturale questo bombolone alla crema...?

:))))

Ciao e alla Prossima.

Lo Ziopiero



(Fai click sull'immagine per ingrandirla)



Guardate anche le altre realizzazioni:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails